Elden Ring: Recensione L'Ombra dell'Erdtree

Informazioni del gioco
Elden Ring: L'ombra dell'Erdtree

21 giugno 2024

piattaforma

PC (Steam), PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Serie X, Xbox Serie S, Xbox One

Editore

Bandai Namco

Advertisement

Sviluppatore

DaSoftware

Il rilascio delle espansioni DLC per i giochi sviluppati da FromSoftware è spesso accolto con molta attesa, poiché lo studio di sviluppo giapponese è noto per il rilascio di contenuti aggiuntivi che spesso sono persino migliori del gioco base. Con Elden Ring, tuttavia, questo non è stato molto facile da ottenere. L'ultimo gioco dello studio è un capolavoro di giochi di ruolo d'azione e design a mondo aperto, difficile da superare, qualcosa di cui FromSoftware è sicuramente consapevole, poiché l'espansione Shadow of the Erdtree non presenta un'esperienza nettamente migliore rispetto all'espansione base. gioco. Allo stesso tempo, è innegabile che sia un'eccellente continuazione del lungo ed estenuante viaggio dei Tarnish in the Lands Between.

Advertisement

L'espansione Shadow of the Erdtree è ambientata nel Regno dell'Ombra, a cui è possibile accedere dopo aver sconfitto Starscourge Radahn e Mogh, Lord of Blood. Non appena i Tarnish entreranno in questo mondo inquietantemente bello, dominato dall'incombente figura dello Scadutree, incontreranno l'enigmatica Leda e molti altri compagni che stanno cercando di accertare cosa sia successo al dio scomparso Miquella, un compito che è lungi dall'essere completato. facile, poiché ripercorrere le orme del dio in questa terra misteriosa porterà gli Appannati ad affrontare innumerevoli sfide, inclusi alcuni degli esseri più potenti visti nell'universo di Elden Ring.

Come è tradizione per FromSoftware a questo punto, la storia di Elden Ring: Shadow of the Erdtree è raccontata magistralmente con la narrazione ambientale, lasciando ai giocatori il compito di mettere insieme ogni piccolo dettaglio raccolto dall'ambiente, descrizioni degli oggetti e la piccola quantità di informazioni rivelate dal gioco. molti nuovi NPC che incontreranno nel Regno delle Ombre. Leda e compagni giocano un ruolo importante negli eventi dell'espansione, e il completamento delle loro missioni secondarie fornisce informazioni aggiuntive su una storia che rendono l'esperienza ancora più coinvolgente una volta che si è più o meno compreso tutto. La storia e alcune delle sue rivelazioni, che coinvolgono anche personaggi del gioco base, sembrano anche molto coerenti con ciò che è stato visto nel gioco base, sfruttando appieno il mondo e l'ampia tradizione creata da FromSoftware in collaborazione con A Song of Ice. e l'autore di Fire, George RR Martin.

Per quanto riguarda il gameplay, l'espansione Elden Ring: Shadow of the Erdtree non spinge i confini. A tutti gli effetti, l'espansione funziona esattamente come il gioco base. Con poca o nessuna guida, fatta eccezione per gli oggetti che, una volta raccolti, rivelano la mappa del Regno delle Ombre in grande dettaglio, l'Appannato deve esplorare un'enorme mappa a mondo aperto le cui dimensioni sono più o meno le stesse della regione di Limgrave nelle Terre di Mezzo, avventurati all'interno di una varietà di dungeon, che vanno da quelli opzionali più piccoli come grotte e catacombe ai dungeon Legacy della storia principale, e sconfiggi innumerevoli nemici. Una volta sconfitti tutti i boss obbligatori, si aprirà la strada allo scontro finale dell'espansione e ad una grande rivelazione che non troppi si aspettavano.

Essendo un'esperienza di gioco di ruolo d'azione incentrata sul combattimento, il design del nemico è uno degli elementi che avrebbero potuto creare o distruggere l'espansione Shadow of the Erdtree. Per fortuna, FromSoftware non ha deluso in questo senso. I nuovi nemici che vagano per il Regno delle Ombre sono tra quelli meglio progettati e più impegnativi progettati dallo studio giapponese. Coloro che arrivano impreparati soffriranno molto: anche i mob dall'aspetto più debole possono resistere abbastanza, e le loro mosse complesse possono essere un incubo da affrontare, anche quando si utilizzano alcune delle build più efficaci che possono facilmente trasportare i giocatori nella base. gioco. Gli unici nemici che difficilmente daranno troppi problemi ai giocatori veterani sono i nemici riciclati dal gioco base, il cui numero è bilanciato da quello dei nuovi nemici.

Advertisement

I boss, non sorprende, sono il pezzo forte dell'espansione Elden Ring: Shadow of the Erdtree. Mentre i boss minori opzionali non sono particolarmente ispirati in termini di moveset né particolarmente impegnativi con un Tarnish opportunamente costruito, i boss Remembrance, quelli che premiano il giocatore con un Remembrance che può essere utilizzato per sbloccare nuove armi e incantesimi nella Roundtable Hold, d'altra parte, sono estremamente unici ed estremamente stimolanti. The Divine Beast Dancing Lion e Rellana, Twin Moon Knight, i primi due boss di Remembrance che la maggior parte dei giocatori combatteranno per primi, sono solo la punta di un iceberg che va molto, molto in profondità, sebbene uno dei boss, di cui non svelerò l'identità accenno a evitare spoiler, è stato sicuramente un po' deludente, in termini di design. Non importa chi stai affrontando, tuttavia, aspettati di morire in pochi colpi e di sconfiggerlo per il rotto della cuffia.

Per fortuna, Elden Ring: Shadow of the Erdtree fornisce molti strumenti per affrontare le difficili sfide che presenta, a partire da una nuova meccanica di progressione, la Shadow Realm Blessing. Usando i frammenti di Scadutree e le ceneri spirituali venerate, che possono essere trovate in posizioni specifiche nel Regno delle ombre, è possibile godere rispettivamente di statistiche migliorate e ceneri spirituali. Questi miglioramenti vengono applicati solo nel Regno delle Ombre, quindi le statistiche Appannate torneranno alla normalità quando si torna nelle Terre di Mezzo.

Il resto degli strumenti offerti dall'espansione Elden Ring: Shadow of the Erdtree sono aggiunte ai sistemi già presenti nel gioco base. Ci sono alcuni nuovi tipi di armi piuttosto unici, tra cui un nuovo spadone leggero con un set di mosse unico, guanti corpo a corpo che rendono finalmente possibile creare una vera e propria classe di monaco Appannato, Grande Katana per espandere le build dei samurai e armi da lancio. Al mix si aggiungono anche nuovi set di armature, un nuovo Talismano che dà accesso ad alcuni vantaggi molto interessanti, come il recupero automatico di FP, nuove Ceneri di guerra che garantiscono nuove abilità con le armi, nuove Ceneri spirituali per i nuovi compagni evocati, nuove Lacrime di cristallo per utilizzare nell'Ampolla della Fisica Meravigliosa (inclusa una nuova lacrima che fornisce l'accesso alle Guardie Spontanee) e nuovi incantesimi. Tutte queste aggiunte sono estremamente utili e renderanno molto felici tutti coloro che desiderano inventare nuove build. D'altra parte, coloro che desiderano continuare a utilizzare le build base dell'endgame potranno farlo nella maggior parte dei casi in modo efficace. Ad esempio, la mia build da Samurai con doppia katana e freddo/sanguinamento ha funzionato bene per quasi tutto il tempo trascorso nel Regno delle Ombre, e ho cambiato le cose solo per provare alcune nuove strategie usando le nuove armi e talismani, e non perché ne sentivo il bisogno. Dato che le nuove aggiunte possono essere portate nelle Terre di Mezzo, mi aspetto che le future giocate del gioco base al New Game Plus siano più interessanti che mai.

Advertisement

Oltre alla mancanza di innovazione, che può essere un problema per alcuni, Elden Ring: Shadow of the Erdtree delude decisamente è nelle prestazioni, almeno su PC. Non è cambiato nulla rispetto al gioco base: continua a non riuscire a mantenere prestazioni fluide per la maggior parte del tempo. In una sessione di benchmark tenutasi nell'area open world di Scadu Altus, un'area piuttosto trafficata con molti nemici e vegetazione, il gioco ha funzionato a una media di 58 fotogrammi al secondo con risoluzione 4K, impostazioni massime e nessun ray tracing sulla mia macchina (i7-13700F, RTX 4080, 32 GB di RAM). Sfortunatamente, l'esperienza non è stata fluida, come evidenziato dai 18 FPS registrati al minimo dell'1%, con alcuni cali di frame rate che non hanno avuto un impatto significativo sul gameplay ma erano comunque abbastanza evidenti.

Sebbene rari, ho anche riscontrato alcuni rallentamenti di alcuni secondi in cui il gioco si bloccava completamente per un motivo sconosciuto, cosa che non mi era mai accaduta nel gioco base e su un sistema molto più debole (i7-10700, RTX 3070, 16 GB di RAM). A questo proposito, FromSoftware ha ancora molto da fare, soprattutto se seguirà la strada dell'open world per il suo prossimo gioco importante.

Se hai già controllato il punteggio che ho assegnato all'espansione Elden Ring: Shadow of the Erdtree, potresti chiederti perché merita un punteggio così alto, visto che, essenzialmente, è solo più o meno la stessa cosa. Ci sono due ragioni per questo. Tanto per cominciare, la qualità dei contenuti inclusi nell'espansione è eccellente e forse tra i migliori offerti nell'intero Elden Ring. Tutto, dalla nuova, densa mappa Shadow Realm (che richiede oltre 40 ore per essere esplorata al meglio) al Legacy e ai dungeon opzionali, è estremamente ben progettato, con percorsi multipli e molti segreti, che rendono l'esplorazione una gioia. Il vero motivo per cui Shadow of the Erdtree merita un punteggio perfetto, tuttavia, è perché riesce a evocare lo stesso senso di meraviglia offerto dal gioco base più di cento ore dopo.

Advertisement

Nel momento in cui ho raggiunto le Pianure del Gravesite, ho provato la stessa sensazione che ho provato quando sono emerso dal Cimitero Arenato per la prima volta e ho visto le enormi pianure di Limgrave davanti a me, l'Erdtree che brillava all'orizzonte e l'Albero Sentinella che vagava qua e là. , pronto a sconfiggere inconsapevole Tarnish, impreparato alla sfida che rappresentava. L'Erdtree è stato, ovviamente, sostituito dal minaccioso Scadutree e l'Albero Sentinella dal primo, temibile Golem di Fuoco, che, proprio come il cavaliere a cavallo del gioco base, può fare in brevissimo tempo un Tarnish impreparato.

Dopodiché, non c'è voluto molto per tornare nel coinvolgente ciclo avventuroso dell'esperienza dell'Elden Ring, cercando frammenti di mappa per dare un'occhiata migliore alla mappa, posizionando indicatori dove apparentemente si trovano punti di interesse e rimanendo stupiti da bellissimi panorami, immensi castelli e vaste foreste inquietanti, ignari dei pericoli che si nascondono al loro interno. Con l'affaticamento del mondo aperto iniziato all'inizio di quest'anno a causa dei numerosi giochi open-world rilasciati nel 2024, come Final Fantasy VII Rebirth, Rise of the Ronin e le versioni PC di Horizon Forbidden West e Ghost of Tsushima, Shadow of the Erdtree's il design a mondo aperto si distingue come testimonianza di come l'esperienza di Elden Ring superi ancora qualsiasi altra cosa sul mercato. Pertanto, credo che un punteggio perfetto sia giustificato, anche con l'evidente mancanza di innovazioni significative e alcuni intoppi tecnici.

Versione PC testata. Codice di revisione fornito dall'editore.

Prodotti menzionati in questo post


Elden Ring: L'ombra dell'Erdtree

Elden Ring: L'ombra dell'Erdtree

Elden Ring: Shadow of the Erdtree espande il gioco base offrendo più di ciò che lo ha reso uno dei migliori giochi open-world di sempre. Presenta una mappa di buone dimensioni densa di segreti da scoprire, nuovi dungeon progettati magistralmente e introduce nuovi e divertenti strumenti per aiutare i Tarnish ad affrontare alcuni dei nemici più impegnativi nel mondo oscuro e brutale del gioco. Anche se la mancanza di nuove meccaniche di gioco potrebbe deludere alcuni, non lasciarti scoraggiare. Shadow of the Erdtree è altrettanto valido quanto il gioco base ed è un acquisto essenziale per tutti coloro che hanno amato lo straordinario gioco di ruolo d'azione di FromSoftware.

Advertisement

Professionisti
  • Mappa di buone dimensioni, ricca di segreti di ogni genere
  • Nuove armi, talismani, Ceneri di Guerra e incantesimi per creare build di personaggi più potenti
  • Sfidare nuovi nemici e boss
  • Design visivo impressionante del Regno delle Ombre
Contro
  • Alcuni nemici riciclati, inclusi i boss
  • Mancanza di innovazione
  • Le prestazioni non sono ancora delle migliori

Advertisement